• LIBRI CON AUTORE

    Momento culturale con Paolo Ciampi
    L'Autore già ospite in passato di Scarpe diem e di Torrenieri, con le sue opere "L'Olanda è un fiore" - "La strada delle legioni" - ci presenterà il suo nuovo libro " Tre uomini a piedi" e ci parlerà di un'altra sua opera "Per le Foreste Sacre".
    Tre uomini a piedi racconta, con lampi di nostalgia e uno humour frizzante, ciò che si sono lasciati alle spalle tre amici,e ciò che ritrovano lungo il cammino.
    Le Foreste Sacre racconta il cammino di un pellegrino sui generis, ma soprattutto di uomo che nel Buddismo ha scoperto le radici di un'altra spiritualità, che pure non gli impedisce di sentire il richiamo dei santi e dei luoghi cristiani.

  • OMBRE IN CAMMINO

    Camminata lungo il tratto della via Francigena che da Torrenieri porta al podere Gambocci, in passato sede della Comunità Incontro. Per i partecipanti alla camminata il ritrovo è presso la sosta IL POGGIO a Torrenieri, la partenza prevista per le ore 19.30. Un percorso che si snoda lungo 4 km di paesaggio mozzafiato. Sarà possibile raggiungere il luogo della rappresentazione anche in auto. Arrivati ai Gambocci, in un palcoscenico naturale, con il sole al tramonto, un cielo per fondale ed un prato per palcoscenico, gli allievi del Laboratorio Teatrale di Montalcino, porteranno in scena "Ombre in Cammino", libero adattamento di alcune novelle tratte da "I racconti di Canterbury", e riadattate per l'occasione dal regista Manfredi Rutelli, per raccontare scherzi, magie e avventure amorose, in una forma narrativa corale e divertente, fatta di trovate fantasiose, di invenzioni sorprendenti ed una poetica semplicità.
    La serata proseguirà con cena al sacco mentre il brindisi finale sarà offerto da Scarpe diem. Il ritorno suggestivo alla luce delle lanterne concluderà il cammino.

  • SOLSTIZIO DI S.GIOVANNI

    La passeggiata avrà luogo nella tarda serata del 23 di giugno, in attesa dell'arrivo del giorno 24. Il percorso che si snoda lungo il tratto di Francigena, fra le soste sigericiane XII e XIII (San Quirico e Torrenieri) ha i suoi punti di interesse soprattutto intorno ai due torrenti Asso e Tuoma, che sono due attraversamenti sulla via stessa. Si raccoglieranno le erbe, si parlerà delle vecchie tradizioni della festa e, magari, si mimerà qualche divinazione propiziatoria per il nuovo semestre che sta arrivando.

    Un progetto originale di valorizzazione storico-culturale del luogo, consiste, per ora, in una relazione del Prof. Raffaele Giannetti, basata sulla "cultura del ponte". Torrenieri non è solo un luogo della Francigena, ma anche un luogo speciale in quanto ha un ponte. E il ponte ha, in generale, per la sua natura di rito di passaggio, una storia bellissima e antichissima.
    Ciò può dar luogo a una nuova ricerca intorno ai motivi della viabilità connessa ai ponti lungo la storia e permetterà di recuperare antiche immaginazioni di quella che abbiamo chiamato "cultura del ponte". A questa straordinaria parte dell'immaginario si lega anche la festa del solstizio estivo, la grande festa legata all'attraversamento rituale del ponte, cioè la ricorrenza di San Giovanni Battista. In questa occasione riscopriamo anche la ricerca delle erbe magiche che si dispone proprio sopra al superamento del fiume che è metafora della nostra vita.

CAMMINO AL CHIARO DI LUNA

Dicono che il plenilunio di luglio offra un’energia capace di rilassare, favorisca la meditazione e aiuti a ricordare meglio i sogni, e che, infine, rafforzi il nostro spirito.

Per noi di Scarpe diem il plenilunio di luglio è ormai da alcuni anni un appuntamento che il borgo di Torrenieri aspetta con entusiasmo.

La camminata lenta, a cui partecipa anche un nutrito gruppo proveniente dai paesi vicini, è adatta a tutti, bambini compresi, ed è una occasione davvero unica per riconciliarsi con il buio e il silenzio, due aspetti della natura che ci sono sempre più estranei. Il percorso fra le campagne, le vigne e tratti di bosco, diventa «di sogno» grazie alla luna stessa che illumina un panorama di rara suggestione.

Il percorso, di circa 8 km, tre dei quali lungo il tratto della Via Francigena che porta a San Quirico d'Orcia, parte da Torrenieri, zona ex Ceramiche.  Presa una strada sterrata si camminerà tra le crete dell'Asso e della Val d'Orcia. Giunti a metà del percorso sarà impossibile resistere alla magia del sorgere della luna e immortalarla in uno scatto. Raggiunto il podere Mirabello – il nome la dice lunga –, la consueta cena nell'aia al chiaro di luna darà ai commensali l'energia giusta per continuare il cammino.